Come usare il compressore per voce e strumenti

come usare un compressore audio in studioUna breve guida su come settare il compressore in studio, sulla voce e sui vari strumenti.

Una delle prime domande che ti stai facendo sarà sicuramente "quale compressiore è meglio usare"?

Se ti sei chiesto questo, senza dubbio hai già visto compressori di vario tipo tra cui opto compressore, VCA (Voltage Controlled Amplifier), FET (Field-Effect Transistor) OverEasy (il rapporto aumenta con l'aumentare del segnale) e la Vari-Mu , che utilizza le caratteristiche di compressione naturali delle valvole. Ognuno ha il proprio suono e il metodo per ridurre il guadagno in virtù del tipo di componenti che agiscono sul segnale in ingresso.

È difficile dire quale sia la compressione più efficace per un determinato lavoro. Usarlo sulla voce di un cantante inoltre può differire rispetto che su altri strumenti musicali.
I progettisti come Joed's Ted Fletcher credono che i compressori opto siano più "musicali" dei compressori VCA, che ostacolano il segnale rispetto al comportamento non lineare dei compressori opto. Viceversa, il comportamento lineare dei compressori VCA li rende effettivamente più trasparenti durante il funzionamento. La trasparenza unita alla capacità del VCA di ostacolare un segnale li rende un ottimo strumento per i picchi di volume e la protezione degli altoparlanti, così come la registrazione audiofila, in cui  è preferito il suono naturale degli strumenti.
I compressori opto tendono a colorare il segnale di più e sono quindi utilizzati come strumento creativo .

Gli opto-compressori, come Universal Audio LA-2A, sono famosi per il trattamento di voci, batteria e chitarre basso nella musica pop e rock, dove è richiesto un suono grande e corposo. Per lo stesso motivo, Universal Audio 1176 LN, che è un compressore FET, uno dei più popolari di tutti i tempi, batteria, chitarra elettrica, basso e compressione del bus (due collegati in stereo).I compressori che usano valvole per la riduzione del guadagno (Vari-Mu) sono più popolari per la compressione del mix generale e sono principalmente utilizzati nella fase di master. Aiutano a tenere insieme il mix e al tempo stesso consente a ogni strumento di mantenere la sua integrità sonora.

Avrai inoltre bisogno di un compressore hardware per il tracciamento DAW. Parlando di DAW, potresti decidere di usare un compressore su ogni traccia perché è possibile, ma sii consapevole che contribuiranno ad aumentare il rumore di fondo. Inoltre, possono anche influenzare il suono generale del tuo mix in modi che non ti aspetti e non vorresti. Dal momento che sono dati da elaborare la tua CPU sarà messa sotto pressione. Questa potrebbe non gestire la cosa al meglio, facendo perdere la qualità del suono e i dettagli in secondo piano (come le code di riverbero). La stessa regola vale soprattutto per la compressione del mix generale. Come ogni elemento dell'ambito dell'Audio Pro è meglio usarlo con parsimonia, potresti rischiare di mandare in mastering un mix che non può essere aggiustato.

Consigli per l'utilizzo del compressore

1. In caso di dubbio, non comprimere. La compressione può sempre essere aggiunta in un secondo momento, ma mai annullato. Ad esempio, se hai una parte di chitarra elettrica o acustica che si adatta bene a un mix così com'è, lasciala stare.

2. Se pensi di padroneggiare egregiamente la tua musica, evita di mettere un compressore sul bus principale L / R stereo per comprimere l'intero mix. Se metti la compressione sul tuo mix (ad alcune persone piace a prescindere), invia due mix al tuo mastering engineer, uno con la tua compressione e uno senza. Se l'ingegnere riesce a lavorare sul tuo mix compresso, allora va bene. In caso contrario, hanno il mix su cui lavorare. Non usare la compressione con l'obiettivo di rendere più forte un mix. Il pericolo è che un mix troppo compresso perderà di contrasto e suonerà noioso, perdendo l'orecchio dell'ascoltatore. Alcuni ingegneri di mastering finiscono per utilizzare expander (l'opposto dei compressori) per cercare di riportare la gamma dinamica persa in mix eccessivamente compressi.

3. Un buon metodo per utilizzare la compressione del bus stereo è quando si instradano le tracce di batteria su un bus stereo (non su L + R principale) per creare un submix. Puoi inserire un compressore e un EQ sul tuo bus stereo (funziona in hardware e software), schiacciare la batteria, aumentare gli alti a 10kHz, i bassi a 80Hz (lascia tutto il resto piatto) e inviare l'uscita del bus a due canali aperti nel tuo mixer.
Ora, introducete il submix del bus nel mix insieme alle normali tracce di batteria in modo che allarghi e rafforzi la batteria senza sovrastarla. Congratulazioni, hai appena imparato come creare il cosiddetto suono New York Drums. Un ottimo approccio per qualsiasi musica basata su percussioni come il rock o l'hip-hop.

4. Per ottenere più snap su un rullante, imposta il tempo di attacco. Inizia con un rapporto tra 2: 1 e 4: 1. Avrai bisogno di un tempo di attacco più lento e un rilascio abbastanza veloce. Devi sperimentare!. Registra il rullante iniziando con l'attacco più veloce possibile. Sentirai un attacco molto veloce. Poi inizia a rallentarlo finché non senti più il transiente. È come impostare la temperatura dell'acqua di una doccia, dove sembra esserci solo un micro movimento di differenza tra l'acqua bollente e congelata). Una volta ottenuta la giusta temperatura, imposta un tempo di rilascio veloce. Quello che sentirai è l'intero attacco che passa mentre la porzione di sustain del suono si abbassa per un momento per poi risalire rapidamente. Ciò aumenta il livello tra transiente e sustain dando l'illusione di un attacco più forte combinato con un sottile pompaggio del rullante.

5. Se stai lavorando con piatti campionati e vuoi creare un decadimento del suono più realistico, è possibile regolare il tempo di rilascio in modo che coincida con il suono successivo in modo che non ci sia troppo stacco, quanto basta per dare l'impressione che il piatto si sbiadisca da solo e non a causa della lunghezza fissa del campione.

6. Le tracce ritmiche Ducking sono un altro modo di usare la compressione. Diciamo che hai chitarre e pad sintetici che da soli suonano bene e sono equilibrati. Poi arriva la voce e questi faticano a sentirsi.
Questa tecnica richiede la possibilità di inviare un segnale al sidechain di un compressore che controllerà il volume delle chitarre e delle tastiere. Con i plug-in, questo è facile se hanno accesso a sidechain. Basta collegare un'uscita dalla traccia vocale alla chiave sidechain dei compressori. Le tracce ritmiche si arresteranno quando entreranno le voci e torneranno alla normalità quando la voce svanisce. Per le tracce ritmiche, è possibile utilizzare un rapporto superiore, che va da 5: 1 a 7: 1. Questo aiuta anche a mantenerne il giusto livello anche durante la canzone *.  Imposta la soglia in modo che quando le voci arrivano, le tracce ritmiche diminuiscano (ducking) simultaneamente da 2dB a 3dB. Imposta un attacco rapido e una versione lunga (1 sec-2 sec). Naturalmente, dovrai regolare quest ultima per adattarla alla musica. Un tempo di rilascio rapido causerà il pompaggio delle tracce, che potrai anche sfruttare a tuo vantaggio in termini di creazione di unità musicali aggiungendo un pompaggio sottile a chitarre pesanti. Di nuovo, sperimenta.

* Quando si hanno tracce che devono mantenersi abbastanza costanti nel livello di un brano, come le chitarre ritmiche (pulite o distorte), i synth pad va bene usare un rapporto di compressione più alto. Alcuni ingegneri utilizzano rapporti fino a 5: 1, 6: 1 e 7: 1. Come sempre, dipende dalle tue tracce.

Impostazioni del compressore consigliate per diversi strumenti  e per la voce

Mentre tips di base che abbiamo dato in precedenza funzionano come punto di partenza per la maggior parte dei compressori e delle loro applicazioni (in particolare con il Tube-Tech CL 1B), tieni presente che ciascun compressore reagisce in modo diverso. Anche due dello stesso modello avranno caratteristiche leggermente diverse (L'elettronica non è una scienza esatta).
Ecco alcune impostazioni di base per ogni strumento che funzionano bene per i compressori VCA.

Valori di Attack / Release-Times 
Veloce = 25-50 ms; Media = 100-500ms; Lento = 1 secondo-2 sec

Impostazioni di base del compressore

Chitarra distorta: attacco rapido, rilascio lento, rapporto di 4: 1 o superiore per un maggiore sustain.

Chitarra acustica: attacco e rilascio medi, rapporto tra 2: 1 e 4: 1.

Batteria: attacco rapido, rilascio veloce, rapporto tra 2: 1 e 4: 1.

Basso: questo è difficile. Per domare gli attacchi aggressivi utilizzare un rapporto veloce, per accentuare gli attacchi utilizzare un attacco medio con un rilascio medio veloce (buono per lo slap), per aumentare l'uso di sustain usa rapporti più elevati con una versione lenta (a seconda della parte).

Piano: per un vivace piano rock, usa un attacco medio per far passare il transiente (come il rullante) e un rilascio medio veloce. Rapporto di 2: 1 a 4: 1. Per le ballad, usa un attacco rapido e una versione lenta.

Voce: attacco medio-veloce, rilascio medio o lento a seconda della parte, rapporto di 2: 1 e non superiore a 4: 1. Per far sì che la voce si inserisca nella traccia in maniera più efficace, prova un rapporto più alto con una soglia più alta o un rapporto più basso con una soglia più bassa. In entrambi i casi, la compressione sarà pesante.

 

La materia è ampia e complessa ma con questo approfondimento periamo di averti dato spunti interessanti su cui lavorare.

Scopri da Smap i brand che producono i migliori compressori in circolazione, qui di seguito alcuni esempi:

Avalon Design, Chandler LimitedCrane Song, DrawmerEmpirical LabsMaselecMillenniaNevePurple AudioRetro InstrumentShadow Hills IndustriesSummit AudioThermonics CultureTube TechUniversal AudioVintech AudioTc electronicSSL.